mer. Ott 23rd, 2019

Yellowbasket.it

Consigli, News e opinioni sulla Bora e il trading online

Cosa sono e come funzionano i CFD

3 min read

Il contratto per differenza (CFD) nasce per offrire ai trader e a ogni tipo di investitore la possibilità di trarre profitto dalla fluttuazione dei prezzi all’interno dei grafici finanziari.

Praticamente bisognerà considerare ogni movimento di un determinato titolo sul quale avete scelto di investire, per poter cercare di trarre vantaggio dalla differenza di prezzo di entrata e uscita.

Praticamente tutto avviene calcolando la variazione di prezzo senza considerare il reale valore dell’attività scelta.

Tutto questo avviene tramite un contratto che nasce fra il trader e il broker di trading.

Per cui non vengono scambiate direttamente azioni, indici di borsa, coppie di valute, materie prime o futures.

Il trading CFD offre davvero molti vantaggi, proprio per questo adesso il CFD è diventata l’opzione di trading più popolare anche fra i trader alle prime armi.

Ma come funziona un CFD?

Il funzionamento di un CFD è molto semplice.
Praticamente se un titolo ha un prezzo richiesto di 25,26 euro e il trader sceglie di acquistare 100 azioni, il costo della transazione è di 2,526 euro, ma ci sono anche le commissioni da aggiungere.

Questo trade richiede almeno 1.263 euro in contanti quando si utilizza un broker tradizionale, mentre se si tratta di un broker CFD, abbiamo un margine del 5% richiesto, quindi 126,30 euro.

Possiamo confermarvi che quando si esegue una transazione con i CFD, ci sarà una perdita che sarà identica alla grandezza dello spread nel momento in cui avviene una determinata transazione.

Ma cosa significa questo?

Praticamente tutto questo comporta che se lo spread è equivalente a 5 centesimi, lo stock dovrà guadagnare 5 centesimi per far si che la posizione arrivi ad un prezzo pari.

Praticamente potrai vedere un guadagno di 5 centesimi se possiedi lo stock.

Il broker CFD potrebbe comunque richiedere al trader l’acquisto di un prezzo iniziale molto più alto, come 25,28 euro.

Quindi sul lungo termine possiamo vedere che partendo da 25,26 avremo un guadagno di 46 euro, mentre partendo da 25,28 il guadagno sarà maggiore, equivalente a 48 euro.

Ovviamente questi sono solo dei piccoli esempi di come funziona il trading CFD, tutte queste operazioni saranno effettuate dalla piattaforma con la quale sceglierete di operare.

Considerate che quando eseguirete le operazioni, non dovrete fare tutti i calcoli che vi abbiamo elencato perché ci penserà direttamente la piattaforma al posto vostro.

Molti broker di CFD offrono un varietà molto grande di asset per investire, i più comuni sono: coppie di valute, criptovalute, indici di borsa, titoli azionari, ETF e tantissimi altri mercati importanti a livello mondiale.

Utilizzando queste piattaforme avrete accesso alla maggior parte dei mercati 7 giorni su 7, 24 ore su 24.

Sicuramente esistono anche alcuni elementi di rischio nel Trading CFD che non bisogna mai sottovalutare.

Il trading CFD, a prescindere dall’asset sul quale scegliete di operare, richiede davvero molta attenzione.

Di sicuro esistono molti rischi e alcuni margini di liquidità che è necessario rispettare.

Potrebbe capitare che il tuo broker potrebbe chiudere la posizione che hai aperto e ti ritroverai davanti ad una perdita, a prescindere da come si muoverà successivamente quel tipo di attività.

Questo è dovuto anche alla leva finanziaria.

Praticamente la leva espone e mette maggiormente a rischio anche se è uno strumento che veramente permette di trarre dei profitti molto superiori rispetto al normale.

A prescindere da quel che succederà i profitti potenziali potrebbero essere più grandi, così come le potenziali perdite.

Sicuramente uno strumento che aiuta a limitare le perdite è lo stop loss, ve lo abbiamo già accennato quando parlavamo del broker che “bloccava” le vostre operazioni.

Lo stop loss ovviamente non può garantire che le vostre perdite saranno assenti, ma può bloccare la vostra perdita dopo una certa percentuale definita “soglia di massima perdita”.

Se c’è una chiusura improvvisa di mercato o una forte volatilità dei prezzi, potrà salvaguardarvi.

In ogni caso i rischi di esecuzione possono anche verificarsi duranti dei ritardi nelle negoziazioni, questo è uno dei motivi perché negli Stati Uniti è presente un divieto specifico.

Copyright ©2019. Yellowbasket.it Tutti i diritti Riservati. | Sito web realizzato da Artematika.it